News
SiteMaps

Odontoiatria conservativa

Con tecniche e materiali moderni, l’odontoiatria conservativa interviene sui danni o per prevenire i danni causati da carie. Permette di ricostruire i denti cariati o distrutti, sostituire precedenti restauri in amalgama (materiale grigio) e ricostruire denti abrasi ed usurati con tecniche mininvasive.

 

La carie Quasi tutti conosciamo i sintomi della carie allo stadio iniziale, ovvero una sensibilizzazione della parte aggredita dai batteri, particolarmente accentuata in presenza di stimoli come il caldo e freddo, o chimici (zuccheri). Quando la carie penetra in profondità, avvertiamo una sintomatologia via via crescente fino a diventare spontanea e intensa. A questo punto, la carie è progredita fino ad arrivare alla polpa per cui sarà necessaria la devitalizzazione del dente. Se la carie è allo stadio iniziale, ovvero interessa solo lo smalto o parte della dentina, può non arrecare alcun fastidio o provocare solo una maggiore sensibilità del dente. Ad esempio, ciò avviene quando si masticano cibi particolarmente dolci, salati o aciduli. In questi casi, è sufficiente l’otturazione che ha lo scopo di sostituire il tessuto infetto con materiale resinoso e ceramico. Questo fa capire come sia importante individuare anche le piccole carie, al fine di evitare trattamenti invasivi che spesso richiedono la devitalizzazione del dente. Solo attraverso un’attenta visita e l’ausilio di radiografie, è possibile scovare la presenza di carie, anche in denti che sembrerebbero “perfettamente sani”. Un altro aspetto da analizzare è la predisposizione alla carie, detta cariorecettività, ovvero il rischio individuale di un paziente di andare in contro all’insorgenza di carie. In questi casi, diventa importante prevenire i “punti deboli” che sono più soggetti all’insorgenza dei processi cariosi, ovvero i solchi dei denti premolari e molari.

 

Inoltre, l’implantologia dentale permette di eseguire ricostruzioni ossee a fini implantari e comprende le tecniche di management dei tessuti molli peri-implantari, impianti per finalità ortodontiche, impianti in pazienti oncologici o con altre patologie ossee.